Formazione Finanziata

La formazione finanziata rappresenta un'ottima opportunità per le imprese che desiderino offrire una formazione continua e specializzata ai propri lavoratori. Per finanziare la formazione del personale, l'azienda può accedere ai Fondi Paritetici Interprofessionali introdotti dalla Legge 388/2000 proprio per questo scopo.

I Fondi esistenti sono numerosi. Ve ne sono disponibili per ciascuno dei settori economici dell´industria, dell´agricoltura, del terziario e dell´artigianato.

La Legge 388 del 2000 disciplina il settore della “formazione finanziata”. La normativa prevede che tutte le imprese possano destinare una quota corrispondente allo 0,30% dei contributi versati all’INPS “dal monte salario di ogni singolo dipendente”, il cosiddetto “contributo obbligatorio per la disoccupazione involontaria”, ed accantonarla in uno dei Fondi. Ogni azienda può iscriversi ad un unico Fondo per volta, l’adesione (revocabile in qualsiasi momento) dura un anno e si intende tacitamente rinnovata, salvo disdetta. Le modalità di adesione dell’impresa ai Fondi Paritetici Interprofessionali sono specificate nella Circolare dell’INPS n. 71 del 2 aprile 2003. L’adesione è volontaria e gratuita.

L’adesione va comunicata all’INPS attraverso il Modello di denuncia contributiva DM10/2I. Nel Modello va indicato il Fondo prescelto con il relativo codice oltre che il numero dei dipendenti per cui l´impresa versa il “contributo obbligatorio per la disoccupazione involontaria”.

Il Modello DM10/2I va utilizzato anche per l’eventuale revoca dell´adesione.

Per aderire ad un fondo non vi sono costi da sostenere: l'adesione è completamente gratuita. I dipendenti dell'azienda sono gli unici destinatari dei finanziamenti siano essi dirigenti, quadri o impiegati.

2 POWER S.R.L. è Ente Proponente/Attuatore riconosciuto da i seguenti Fondi Interprofessionali:

2 POWER S.R.L. mette a disposizione competenze e professionalità di comprovata esperienza per la valutazione dei fabbisogni formativi aziendali e per la realizzazione e la gestione dei Piani Formativi.

Un Piano Formativo è un programma organico di azioni formative dedicate ai dipendenti. Il Piano comprende uno o più progetti specifici che dettagliano le singole azioni formative (corsi di formazione), e le azioni connesse, per le quali si richiede il finanziamento.

2 POWER S.R.L. affianca le aziende supportandole nelle procedure di adesione al Fondo Interprofessionale prescelto, nell’analisi dei fabbisogni formativi e nello svolgimento di tutti gli step relativi alla realizzazione e alla gestione dei Piani Formativi secondo le linee guida del Fondo di competenza.

Adesione a Fondo Conoscenza

Il codice di adesione a FONDO CONOSCENZA è FCON

L'adesione può essere effettuata in qualsiasi mese dell'anno, contestualmente con la trasmissione delle comunicazioni obbligatorie (UNIEMENS/DMAG), ed è valida sino a revoca.

L’adesione a FONDO CONOSCENZA deve essere effettuata dall’impresa utilizzando una delle denunce contributive mensili nei modi di seguito illustrati.
  1. Azienda che NON aderisce ad alcun Fondo Interprofessionale: nell’UNIEMENS aggregato, all’interno dell’elemento FondoInterprof, opzione Adesione, va selezionato il codice FCON seguito dall’indicazione del numero dei dipendenti.
  2. Azienda che aderisce ad un altro Fondo Interprofessionale: nell’UNIENEMES aggregato, all’interno dell’elemento FondoInterprof, opzione Revoca, va inserito il codice REVO (che si riferisce agli operai, impiegati e quadri), dopodiché va selezionato il codice FCON seguito dall’indicazione del numero dei dipendenti.

Le imprese agricole che intendono aderire a FONDO CONOSCENZA possono farlo attraverso le procedure di dichiarazione trimestrale DMAG.

  1. Azienda agricola che NON aderisce ad alcun Fondo Interprofessionale: nel DMAG telematico, all’interno dell’elemento gestioni speciali, opzione Fondi interprofessionali, sul tasto nuova adesione, nella sezione inserimento adesione, alla voce selezionare il fondo interprofessionale va selezionato il codice FCON.
  2. Azienda agricola che aderisce ad un altro Fondo Interprofessionale: nel DMAG telematico, all’interno dell’elemento gestioni speciali, opzione Fondi Interprofessionali, selezionare Revoca, successivamente selezionare il codice FCON.

Mobilità tra i Fondi

Le aziende che aderiscono ad un altro Fondo Interprofessionale e scelgono di revocare l’adesione in favore di quella a FONDO CONOSCENZA possono beneficiare della MOBILITA' TRA I FONDI CIRCOLARE INPS N. 107 del 01/10/2009:

Aderendo a FONDO CONOSCENZA si può trasferire allo stesso il 70% dell’accantonato presso altri fondi, integrato da un ulteriore 20% messo a disposizione da FONDO CONOSCENZA per finanziare la formazione dell'azienda, facendo richiesta di portabilità compilando l’apposito modulo.

SI PUO' TRASFERIRE IL 70% DELL’ACCANTONATO A CONDIZIONE CHE

  • l’azienda, nei 3 anni precedenti, non risponda alla definizione comunitaria di micro e piccola impresa 
  • l’importo da trasferire sia almeno pari a 3.000,00 euro, al netto dell’eventuale importo utilizzato per il finanziamento di propri Piani Formativi
  • le quote oggetto di trasferimento non siano riferite a periodi antecedenti al 1° gennaio 2009

IMPORTANTE

Per beneficiare della mobilità è OBBLIGATORIO indicare contestualmente (nello stesso UNIEMENS) prima il codice di revoca “REVO” e poi il codice di adesione a Fondo Conoscenza “FCON”. In assenza di tale condizione, non è ammessa la mobilità.

Domande?

Richiedi maggiori informazioni